Cosenza, la città dei Bruzi e dei bizantini: cosa vedere e cosa mangiare

Cosenza, la città dei Bruzi e dei bizantini: cosa vedere e cosa mangiare

Cosenza è una città ricca di storia, cultura e tradizioni, situata nella parte settentrionale della Calabria, tra i fiumi Crati e Busento.

Capitale dei Bruzi nel IV secolo a.C., fu sede di Federico II di Svevia, Re dei Romani e Imperatore del Sacro Romano Impero, e di una delle prime accademie d’Europa, fondata nel 1511. Oggi Cosenza è un centro vivace e dinamico, che offre ai visitatori numerosi monumenti e musei, un centro storico suggestivo e un museo all’aperto con opere di artisti internazionali. Inoltre, Cosenza è il punto di partenza ideale per esplorare le bellezze naturali della Sila, il parco nazionale più grande d’Italia, e per gustare i sapori tipici della cucina calabrese. In questo post vi proponiamo una guida su cosa vedere e cosa mangiare a Cosenza, per scoprire le sue attrazioni principali e le sue specialità gastronomiche.

Cosa vedere a Cosenza

Tra le cose da vedere a Cosenza, non potete perdervi il Duomo, la cattedrale di Santa Maria Assunta, riconosciuta come patrimonio “testimone di cultura di pace” dall’UNESCO nel 2011. Il Duomo è uno splendido esempio di architettura gotica cistercense, che conserva al suo interno una preziosa icona bizantina del XII secolo, la Madonna del Pilerio, e le tombe di Isabella d’Aragona e di Luigi III d’Angiò.

Il Duomo si trova nel centro storico di Cosenza, che si snoda lungo le pendici del colle Pancrazio, dominato dal Castello Normanno-Svevo. Il castello, costruito nel X secolo e ampliato da Federico II, offre una vista panoramica sulla città e sulle montagne circostanti. Il centro storico di Cosenza è un labirinto di vicoli, scalinate, archi e palazzi nobiliari, che raccontano la storia millenaria della città. Tra i palazzi più importanti, vi segnaliamo il Palazzo dei Bruzi, sede del Museo Archeologico, che ospita reperti della civiltà bruzia, romana e medievale, il Palazzo Arnone, sede della Galleria Nazionale di Cosenza, che espone opere di artisti calabresi dal XV al XX secolo, e il Palazzo Lupinacci, dimora storica trasformata in bed and breakfast.

Tra le chiese più belle, vi consigliamo di visitare la Chiesa di San Domenico, del XVI secolo, che custodisce un magnifico altare barocco e un organo del XVIII secolo, e la Chiesa di San Francesco d’Assisi, del XIII secolo, che conserva un affresco del XV secolo raffigurante la Madonna col Bambino e i Santi. Se siete appassionati di arte moderna e contemporanea, non potete perdere il Museo all’aperto Bilotti (MAB), che si estende lungo il corso Mazzini, la via principale della città. Il MAB è un museo a cielo aperto, nato grazie alla donazione di opere di artisti famosi da parte della famiglia Bilotti, originaria di Cosenza. Tra le opere esposte, potrete ammirare sculture di Giorgio De Chirico, Salvador Dalì, Emilio Greco, Giacomo Manzù e Mimmo Rotella.

Cosa mangiare a Cosenza

Dopo aver visitato le bellezze artistiche e culturali di Cosenza, è il momento di assaggiare le delizie della sua cucina, che riflette la varietà e la ricchezza del territorio calabrese.

Tra i piatti tipici di Cosenza, vi suggeriamo di provare i maccheroni al ferretto, una pasta fatta a mano con una sottile bacchetta di metallo, condita con sugo di carne di maiale e pecorino, i ceci e tria, una zuppa di ceci con pasta fresca tagliata a striscioline, la carne alla brace, come la salsiccia, il capocollo, la pancetta e la spuntatura, accompagnata da peperoni cruschi, peperoni secchi fritti in olio, e il baccalà alla cosentina, baccalà fritto con patate, olive, capperi e pomodori.

Per i più golosi, non mancano i dolci tradizionali, come i mostaccioli, biscotti di pasta frolla con miele e cioccolato, i turdilli, frittelle di pasta lievitata con miele e cannella, e i chinuliddi, dolcetti di pasta frolla ripieni di fichi secchi, noci, mandorle e uvetta. Per accompagnare i vostri pasti, potete scegliere tra i vini locali, come il Donnici, il Pollino e il Savuto, o tra i liquori tipici, come il limoncello, il bergamino e il licorice, a base di liquirizia.

Dove alloggiare a Cosenza

Se state cercando un posto dove alloggiare a Cosenza, potete scegliere tra diverse opzioni, in base al vostro budget e alle vostre preferenze. Se volete soggiornare nel centro storico, potete optare per un bed and breakfast, come il Palazzo Lupinacci, il B&B L’antico Rudere o il B&B Morelli Home, che offrono camere accoglienti e confortevoli, con vista sulla città e colazione inclusa.

Se preferite un hotel, potete prenotare al Royal Hotel, un albergo a quattro stelle con camere moderne e insonorizzate, dotate di connessione internet wireless, o al Palace Eight – Suites & Spa, un hotel di lusso con camere eleganti e spaziose, dotate di minibar, macchina del caffè e TV a schermo piatto. Se volete risparmiare, potete scegliere una soluzione più economica, come il B&B Inn Centro, il B&B Il Sogno o il CinqueStanze, che offrono camere semplici ma pulite e funzionali, con WiFi gratuito e bagno privato.

Se viaggiate in auto, potete alloggiare fuori dal centro, in un hotel con parcheggio gratuito, come l’Italiana Hotels Cosenza, un hotel a quattro stelle con palestra, giardino e terrazza, o il Best Western Hotel Ferrari, un hotel a quattro stelle con ristorante, bar e sala riunioni.

Cosenza è una città che merita di essere visitata, per la sua storia, la sua cultura e la sua gastronomia.

Che siate amanti dell’arte, della natura o del buon cibo, troverete sicuramente qualcosa che vi soddisfi e vi faccia innamorare di questa città. Cosenza vi aspetta con il suo fascino e la sua ospitalità, per regalarvi un’esperienza indimenticabile. Non perdete l’occasione di scoprire Cosenza, la città dei Bruzi e dei bizantini!

One thought on “Cosenza, la città dei Bruzi e dei bizantini: cosa vedere e cosa mangiare

Comments are closed.